The Black Machine e l'orso di Nevercrew che affonda nel petrolio



Ancora riflessioni sull’ambiente nella città di Torino. Ancora la street art a farsi portavoce di questi temi.


“The Black Machine” mostra in tutta la sua drammaticità un orso polare con le zampe intrise di petrolio.


Il progetto artistico è firmato dalle mani del duo svizzero Nevercrew.


Tanti dettagli. Tanti spunti. Il grande disastro vicino ad una sedia. Una sedia piccolissima rispetto all’orso. Una sedia su cui l’uomo si siede e osserva.


Purtroppo la sedia non è rivolta verso l’animale, ma altrove. L’uomo ancora non si è reso conto del grande problema.


E così l’orso, dipinto su una delle pareti più nascoste del Teatro Colosseo, non mostra subito ai passanti la drammaticità della sua situazione, ma il suo volto bianco e pulito.


Mentre intanto tutto accade.



#torino #streetart#tiraccontodistreetart

Riproduzione riservata - storiesenzatrama ® 

TKS to support from renatogaggio.com